Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per una corretta navigazione. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Informativa

Sito di Importanza Comunitaria (SIC) "Monte San Mauro"


** SIC San Mauro **


Il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) "Monte San Mauro", istituito sulla base Direttiva comunitaria "Habitat" (92/43/CEE), fa parte della Rete ecologica "Natura 2000" sistema di aree dedicate alla conservazione della biodiversita' dell'Unione Europea. Il SIC ha una superficie complessiva di 642 ettari e ricade nei Comuni di Gesico, Guamaggiore e Guasila. E' ubicato in un territorio a morfologia collinare che culmina con i 501 m s.l.m. del Monte San Mauro. Quest'ultimo e' caratterizzato da una forma tronco-conica sulla cui sommita' e' situata l'omonima Chiesa da cui si dominano visivamente la Trexenta e la Marmilla. Le particolari condizioni fisiche associate alle consuetudini secolari di uso delle risorse hanno guidato, nel tempo, la trasformazione dell'ambiente originario in un paesaggio molto particolare e attualmente sempre piu' raro nel territorio europeo, costituito da estensioni di vegetazione a prateria e a steppa tipiche degli ambienti semiaridi e in grado di ospitare numerose specie faunistiche e floristiche di interesse comunitario e conservazionistico, nonche' importanti endemismi.

Il SIC costituisce un'area di rilevante pregio ambientale meritevole di tutela e valorizzazione. La conservazione degli Habitat e la salvaguardia delle specificita' floristiche e faunistiche, assieme allo sviluppo ecocompatibile delle attivita' socio-economiche presenti nel territorio, rappresentano l'obiettivo primario del Piano di Gestione del Sito recentemente predisposto dai comuni coinvolti.

La componente vegetazionale del SIC "Monte San Mauro" appare suddivisibile principalmente in due zone differenti:
- la macchia alta con raggruppamenti di lecci (Quercus ilex), limitata a ridotte porzioni del territorio;
- i seminativi e il pascolo nudo o cespugliato che occupano la maggior parte dell'area e che si trovano a contatto con le aree coltivate o con la macchia bassa.

Il SIC e' interessato da due Habitat di interesse comunitario:
- 5330 - arbusteti termo-mediterranei e pre-desertici localizzato principalmente nelle scarpate piu' accidentate dove la pendenza e la profondita' del terreno impediscono la coltivazione;
- 6220 - percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea, soggetto a particolare regime di tutela e distribuito prevalentemente nelle fasce di suolo esistenti tra un coltivo e l'altro o interamente negli appezzamenti agricoli lasciati a riposo o incolti per periodi piu' o meno lunghi.

Il Piano di Gestione, approvato dall'Assessorato Difesa Ambiente, della Regione Autonoma della Sardegna (Decreto N.72 del 30.07.2008), interviene attraverso progetti mirati che integrano l'ambito della tutela degli Habitat e delle specie con la rivalutazione dell'area come risorsa qualificante per il territorio e la valorizzazione ecosostenibile del SIC.