Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per una corretta navigazione. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Informativa

Santa Giusta

Anche per Santa Giusta come per Sant’ Amatore, vantava di due feste distinte. La prima per festeggiare la sua nascita e cioè il 14 maggio, mentre la prima domenica di ottobre si festeggiava la dedicazione alla chiesa. In quest’occasione la reliquia della Santa veniva messo in esposizione al pubblico (conservata in un reliquiario d’argento) donata alla parrocchia dal Reverendo Salvatore Ruyu, già rettore di Gesico ed in seguito nominato vescovo di Ales. Egli il 27 maggio 1714, fondò un legato per le zitelle povere da maritare ed in grado di assicurare una pensione annua di 330 scudi. Tutti gli anni, il 14 maggio, in occasione della festa di Santa Giusta, e alla presenza di tutta la popolazione, si estraevano tre nomi delle zitelle che avevano diritto a questa sorte di “contributo matrimoniale”. Un secondo legato fu fondato, nel 1815, dal nobile Monserrato Diana. Oggi la tradizione ricorda solo il 14 Maggio dove insieme al culto religioso si affianca quello civile con esibizioni in piazza.