Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per una corretta navigazione. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Informativa

Sagra della lumaca

Gesico, una delle 11 “Città delle Lumache Italiane” rinnova dal 1993, il terzo Sabato di Ottobre, l’appuntamento con la sagra delle lumache promossa e creata dal Comune e dalla Associazione Turistica Pro-Loco. Con delibera datata 20/05/1991, di comune accordo con l’Amministrazione Comunale, la Proloco Gesico, guidata da Gianfranco Puddu, Carlo Carta, Antonello Zedda e Andrea Carta (ancora fino al 7 Luglio 1991 Associazione Gruppo San Mauro) mette in cantiere la 1^ Sagra della Lumaca. Tuttavia vede ufficialmente il suo varo definitivo nel terzo Sabato di Ottobre del 1993, grazie all’azione decisiva del Sindaco Rodolfo Cancedda e della sua Giunta (Luca Carta, Matteo Sechi e Giancarlo Porceddu) e dell’Associazione Culturale “Su Sitzigorru” (Antonello Zedda e Pierpaolo Cocco). Da allora, la Sagra della Lumaca, è un continuo crescendo fino ad arrivare ad un vero e proprio boom di presenze negli ultimi 10 anni, grazie anche all’impronta datagli Sindaco Terenzio Schirru e dalla sua Giunta (Sandro Murgia, Marco Zedda, Giulio Zedda). La Sagra della Lumaca, La Kermesse Gastronomica “La Lumaca d’oro”, Il Convegno sull’enogastronomia, La Corsa delle Lumache e la Fieragricola Trexentese insieme a tutti gli eventi culturali e gli spettacoli ad essa collegati, rappresentano quanto di meglio si possa offrire nel periodo di destagionalizzazione turistica in Sardegna, con il settore enogastronomico che funge da cornice a tutta la manifestazione. In tale contesto l’Amministrazione Comunale e la Proloco di Gesico sono da sempre impegnati nella valorizzazione delle risorse locali con dei programmi specifici al fine di sfruttare tale importante vetrina per dare la giusta visibilità alle specificità del territorio del nostro comune e della Trexenta ed alle attività produttive ed alle eccellenze ivi radicate. Nel mese di ottobre di ogni anno quindi, grazie a tutte le iniziative poste in essere in occasione della sagra della lumaca, il paese di Gesico, si riempie di interessati visitatori che apprezzano il più significativo appuntamento per i cultori della buona cucina, per i sapori genuini ed inconfondibili che il prelibato mollusco sa riservare. La valorizzazione delle zone interne pertanto deve necessariamente passare attraverso eventi di questo tipo, che mirino a porre nella dovuta considerazione l’ambiente con il territorio SIC San Mauro, l’archeologia, la valorizzazione dei vecchi borghi, gli antichi giochi tradizionali e la cultura in genere. Quindi, Gesico, capitale Sarda indiscussa, svolge un ruolo di leader in Italia ed in Europa per quantità e qualità di lumache cucinate, aspetti perlopiù slegati dalla classica sagra paesana e più legati alla crescita della produzione e dello sviluppo territoriale in termini turistici e turistico-culturali, inteso come punto di incontro o crocevia, di differenti culture. Tra gli obiettivi c’è quello di creare in tempi brevissimi un circuito Nazionale delle “Città Slowlife” (una nostra idea questa), paesi o città che si caratterizzano per una migliore qualità della vità. Città queste dove il prelibato gasteropode è un prodotto tipico della gastronomia e del Turismo. Cherasco (Cuneo), Borgo San Dalmazzo (Cuneo), Molini di Triora (Imperia), Sant'Andrea di Badia Calavena (Verona), Bobbio (Piacenza), Zocca (Modena), Nanantola (Modena), Crespadoro (Vicenza) e Cantalupo di Bevagna (Perugia), Cannole (Puglia) queste le altre Città. Queste le città con noi gemmellate, con in testa gli amici di Borgo San Dalmazzo in Piemonte! Sarà sicuramente un Ottobre 2011 assolutamente interessante!

(scheda a cura del sig. Carlo CARTA, presidente della A.T. Pro Loco Gesico)